Alda Failoni nasce a Trento nel 1954.

Inizia e completa il suo apprendistato artistico sotto la guida del pittore e incisore trentino Remo Wolf.

Successivamente cura due pubblicazioni dedicate alle opere xilografiche e agli ex libris realizzati dall’artista.
Frequenta la Libera Scuola del Nudo presso l'Accademia delle Belle Arti di Bologna e la Scuola Internazionale di Grafica a Venezia.
Nel 1979 si laurea in filosofia a Bologna.
Dal 1985 fa parte dell'Associazione Incisori Veneti.

 

Nel 2012 insieme ad alcuni amici fonda a Trento l’Associazione Hortus Artieri di cui è attualmente presidente. L’associazione promuove ,attraverso incontri e mostre, iniziative culturali e artistiche.

 

Vive e lavora a Trento

 

Tema ricorrente e riproposto sempre con nuove soluzioni nelle sue opere è quello della Vanitas: bellezza e fragilità dell’esistenza rintracciate in oggetti, stoffe, animali, decorazioni, fiori essiccati e,nelle ultime composizioni, in dittici di fiori e ossa.

 

“Una pittura magra, un colore sommesso che si addensa e si purifica dando luogo a spessori diversi con effetti di texture nei toni terrosi, nei bianchi calcinati e nei grigi, un supporto materico povero come la carta che lascia trasparire “ le giunte” sono mezzi strutturali attraverso i quali raggiunge la decontestualizzazione dell’oggetto conferendogli pregnanza simbolica”

(Claudia Mandelli)